mercoledì 9 agosto 2017

#4 What I Think About "The Siren"

The Siren - Kiera Cass


TITOLO: The Siren
AUTORE: Kiera Cass
CASA EDITRICE: Sperling & Kupefer
GENERE: Romanzo fantasy
DATA DI PUBBLICAZIONE: Ottobre 2016
PREZZO: -formato cartaceo- 17,90 –formato digitale (non disponibile)
N. PAGINE: 289

SINOSSI:

Kahlen è una sirena, una meravigliosa e pericolosa creatura al servizio dell'Oceano. Ma non è sempre stato così. C'è stato un tempo in cui Kahlen era soltanto una ragazza come tutte le altre. Poi, un giorno, mentre stava annegando, l'Oceano l'ha salvata e le ha regalato una seconda possibilità. Anche se a un prezzo terribile. Per ripagare il suo debito, Kahlen infatti ha dovuto rinunciare a una vita normale e ai suoi sogni, primo fra tutti quello di amare ed essere amata, per attirare in acque mortali, con il suo canto letale e ammaliatore, altri esseri umani. Per cento anni. Solo allo scadere di questo tempo, potrà finalmente tornare a parlare, ridere e vivere liberamente. Fino ad allora una sua parola sarà sufficiente a uccidere un uomo. Così, quando un giorno incontra Akinli, Kahlen sa bene che legarsi a lui è l'errore peggiore che possa fare. Innamorarsi di un essere umano infrange tutte le regole dell'Oceano. Ma Akinli, gentile, premuroso e bellissimo, è il ragazzo che ha sempre sognato. Quanto sarà disposta a rischiare per seguire il suo cuore?

“Era questo che voleva dire essere una diciannovenne?
Vivere in un dormitorio, lasciare che le vite degli altri si riversassero nella tua anche solo per un breve periodo?
Studiare una cosa con la massima concentrazione mentre decine di altre cambiano attorno a te e imparare anche da quelle?
Avere un ragazzo che ti vuole bene e ti apprezza così tanto che sei sicura nessuno abbia mai provato le stesse emozioni prima di te, e sapere di esserti aggiunta a una lunga fila di persone che hanno fatto lo stesso ballo per trovare quella con cui trascorrere la vita?
Era una cosa temporanea e senza tempo, insignificante e densa di significato.
E io ero riuscita a farne parte.”
-Kahlen

🌟Cosa ne penso 🌟

Kahlen è una sirena obbediente, ha chiesto di vivere e ha accettato di pagarne il prezzo a testa alta. È infatti una sirena devota a Oceano, seppur con la pena nel cuore a causa delle tante vite spezzate, la serve e vuole bene alle sue sorelle. Le Sirene, quando non sono impegnate a servire Oceano, vivono sulla terra ferma, dove conducono una vita apparentemente normale, a parte per la loro bellezza straordinaria. Durante un giorno come tanti, in una delle sue visite alla biblioteca della città in cui stanno vivendo da qualche mese a questa parte, Miami, Kahlen incontra un ragazzo: Akinli. Lui non è come i tanti ragazzi sedotti dalla naturale bellezza delle sirene, ad Akinli sembra interessare ciò che Kahlen ha da dire, vuole conoscere i suoi pensieri, ma Kahlen, ovviamente, non può comunicarglieli perché la sua voce è veleno per gli esseri umani.
Kahlen si sente attratta da questo ragazzo dai pantaloni Kaki e dai biondi capelli spettinati, ma è consapevole che iniziare una relazione con lui significherebbe disobbedire a Madre Oceano. Perciò scappa da Miami insieme alle sue sorelle, lasciando lì Akinli e il suo cuore. È continuamente in tensione tra l’irrazionale desiderio di amare liberamente e il dovere di obbedire a Oceano? Due cose così contrastanti non possono convivere. Kahlen sarà, pertanto, costretta a sceglierne una a discapito dell’altra. Amare la rende felice, obbedire la logora dentro, cosa farà la nostra dolce sirena?

The Siren è, a mio parere, diverso dagli altri libri di Kiera Cass, se la serie di The Selection mi ha colpito per la sua dinamicità e per le continue sorprese, la storia di Kahlen mi ha ammaliato per l’introspezione e la riflessione. I pensieri di Kahlen si sviscerano attraverso le pagine seguendo due fili conduttori: Oceano e Akinli. Due opposti. Il romanzo mi è sembrato molto statico nonostante i luoghi dove le sirene dimorano siano molteplici; la protagonista non ha subito una particolare crescita, è da lodare, piuttosto, il suo coraggio di ascoltare il proprio cuore. Di Akinli non conosciamo granchè, oltre alla sua generosità e bontà d’animo, poiché per buona parte del romanzo, i due sono costretti a rimanere lontani. Un buon finale però migliora qualsiasi cosa e con la Cass il lieto fine è d’obbligo. Vi dico solo questo: Kahlen e Akinli si salveranno a vicenda in un modo e per un motivo che non ci aspettiamo.
Se mi è piaciuto? Sì! Lo stile di Kiera Cass non sbaglia un colpo!

Vado punto e a capo vedrai
Quel che resta indietro
Non è tutto falso e inutile
Capirai
Lascio andare i giorni
Tra certezze e sbagli
E' una strada stretta stretta
Fino a te

Quanta tenerezza
Non fa più paura

Sei nell'anima
E lì ti lascio per sempre
Sei in ogni parte di me
Ti sento scendere
Fra respiro e battito


Gianna Nannini, 2006

martedì 8 agosto 2017

#3 What I Think About "La Moglie del Califfo"

La Moglie del Califfo  - Renée Ahdieh




TITOLO: La Moglie del Califfo
TITOLO ORIGINALE: The Wrath and the Dawn
AUTORE: Renée Ahdieh
CASA EDITRICE: Newton Compton Editori
GENERE: Romanzo, Narrativa Contemporanea
DATA DI PUBBLICAZIONE: Febbraio 2016
PREZZO: -formato cartaceo- €5,90 –formato digitale- 3,99
N. PAGINE: 349

SINOSSI:

Al calar del sole sul regno di Khalid, spietato califfo diciottenne del Khorasan, la morte fa visita a una famiglia della zona. Ogni notte, infatti, il giovane tiranno si unisce in matrimonio con una ragazza del luogo e poi la fa uccidere dopo aver consumato le nozze, prima che arrivi il nuovo giorno. Ecco perché tutti restano sorpresi quando la sedicenne Shahrzad si offre volontaria per andare in sposa a Khalid. In realtà, ha un astuto piano per spezzare quest'angosciosa catena di terrore, restando in vita e vendicando la morte della sua migliore amica e di tante altre fanciulle sacrificate ai capricci del califfo. La sua intelligenza e forza di volontà la porteranno a superare la notte, ma pian piano anche lei cadrà in trappola: finirà per innamorarsi proprio di Khalid, che in realtà è molto diverso da come appare ai suoi sudditi. E Shahrzad scoprirà anche che la tragica sorte delle ragazze non è stata voluta dal principe. Per lei ora è fondamentale svelare la vera ragione del loro assurdo sacrificio per interrompere una volta per tutte questo ciclo che sembra inarrestabile.


“<< Tenetelo sempre con voi. È un tappeto molto speciale.
Quando vi sentirete smarrita, vi aiuterà a trovare la strada di casa […]
Lasciate che vi porti dove il vostro cuore desidera>>
-Musa (precettore della madre di Khalid, Leila)

🌟Cosa ne penso 🌟

Già circa un anno fa avevo sentito parlare di questo libro e il titolo non mi convinceva, ma una volta letta la trama ho deciso che doveva assolutamente essere mio. La storia di Shahrzad una ragazzina di 16 anni e il califfo del Khorasan, Khalid, di 18, è talmente sorprendente che li ho anche ospitati nei miei sogni.
Il califfo è secondo l'opinione comune un "mostro" meschino e insensibile, poiché ad ogni alba nella sua dimora muore in circostanze misteriose una giovane ragazza della sua terra, dopo essere stata sua moglie per una notte. Tra queste ragazze sacrificate purtroppo c'è anche la migliore amica di Shahrzad, Shiva. La nostra eroina non si dà pace e pertanto vuole vendetta, vuole che il califfo perisca proprio come Shiva, così si offre volontaria per raggiungere il castello del califfo e sposarlo; lei, però, romperà il cerchio, non si lascerà uccidere dall'assassino della sua amica, il suo obiettivo vede piuttosto la sua di morte. Shahrzad non è impulsiva, prima di attuare il suo piano vuole conoscere i punti deboli del suo nemico, osservarlo e capirlo. Nel corso delle sue ricerche scopre però che "Khalid" non è affatto il mostro che tutti pensano che sia. Khalid, dal canto suo, non permette che a Shahrzad venga torto un solo capello, la protegge da qualsiasi minaccia e si trova disposto a qualsiasi cosa purché la sua regina, la sua "joonam", sia felice. Entra in gioco però anche l'amore d'infanzia della protagonista che, cocciutamente, vuole portare via Shazi dal palazzo e uccidere il califfo, e anche lui si dimostra imperterrito e fermo sui propri obiettivi.
Khalid lascerà che Shahrzad abbatta le barriere del suo cuore in tempo, prima che si scateni un'imprevista tempesta di eventi? E lei invece sta conducendo un doppio gioco o i suoi sentimenti sono sinceri?

Ho assolutamente adorato i due protagonisti, e nonostante sia un young adult, Shazi e Khalid hanno sulle spalle fardelli ben più pesanti di quelli che un comune adolescente potrebbe portare. Il califfo e la sua regina infatti sono molto più grandi d'animo rispetto alla loro età, capaci di decisioni estreme, scelte dolorose e azioni fantastiche e ben ponderate. Lei non è la protagonista frivola, ma una donna con gli attributi e lui non è il "bad boy" della situazione, tutt'altro. La loro storia appassionante e sconvolgente tiene incollati alle pagine finché non le abbiamo divorate tutte, fino all'ultima. Penso che questo romanzo non riporti nessun cliché né rispetti alcuna convenzione dei romance e lo adoro per questo. La narrazione in terza persona ci permette di conoscere meglio i due protagonisti e di vivere situazioni ed emozioni insieme a loro, grazie al fantastico stile dell’autrice. Attenzione non fate il mio stesso errore di pensare che sia autoconclusivo, infatti ho come il respiro mozzato da quando l’ho concluso.

"Così vai via
L'ho capito, sai?
Che vuoi che sia
Se tu devi, vai
Mi sembra già che non potrò
Più farne a meno
Mentre i minuti passano
Forse domani correrò
Dietro il suo treno
Tu non scordarmi mai"


Claudio Baglioni, 1973

sabato 5 agosto 2017

#TopFiveMaleCharacters

#TopFiveMaleCharacters

Buongiorno lettori, come sta procedendo la vostra estate? Quale momento dell’anno migliore per innamorarsi?
Love is in the air… oggi porto sul blog un #booktag molto carino che riguarda i miei 5 personaggi maschili preferiti. Premetto che è praticamente inevitabile innamorarsi dei protagonisti maschili dei libri che si leggono, perché ne si conoscono tutte le sfaccettature e si vivono con loro emozioni intense; per cui questo lavoro di sceglierne soltanto 5 è stato davvero molto difficile, nel mio cuore infatti porto con affetto ognuno dei personaggi di cui conosco la storia. I 5 che ho scelto comunque sono quelli che mi hanno davvero fatto innamorare.


🌹Levi 

“Voglio arrivare a dirti che…mi piaci davvero. […] Nel senso che mi piaci davvero davvero. E voglio che quel bacio sia stato l’inizio di qualcosa.
Non la fine. […]
Perché quel bacio aveva tutta l’aria di essere l’inizio di qualcosa”
-Levi

Per chi non lo conoscesse ancora, Levi è il protagonista maschile di Fangirl, romanzo di Rainbow Rowell. Levi è dolcissimo e altruista. Conosce Cath da poco eppure è disposto ad uscire di notte e in pieno inverno per evitare che lei faccia la strada dalla biblioteca al dormitorio da sola. Levi è come una giornata di sole a gennaio, buono e gentile, ma non stupido. Nonostante abbia qualche difficoltà nello studio, non lascia che queste lo blocchino nel suo percorso, come non si lascia scoraggiare dall’ostinazione di Cath e, talvolta, dal suo pessimo umore. Non pecca di orgoglio e lascia che Cath lo conosca esattamente per com’è, senza il filtro di maschere o bugie. È letteralmente adorabile.

🌹 Khalid



 “È così arrogante desiderare qualcosa che non cambi al mutare del vento?
Che non vada in frantumi al primo segno di avversità?”
-Khalid


Khalid è un ragazzo di 18 anni che porta sulle spalle un grave fardello. È il califfo del Khorasan. Un personaggio molto profondo, orgoglioso e ostinato. Non ha intenzione di venire meno alle proprie responsabilità, ma come ha ben capito, al cuor non si comanda, e lui non può fare a meno di innamorarsi di Shahrzad. Farebbe e fa di tutto per lei, per salvarla dai pericoli e le persone che si nascondono all’interno delle mura del castello, e da quelli che minacciano dall’esterno. Amare Khalid non è facile, e tantomeno lo è ammetterlo a se stessi. Khalid infatti è secondo l’opinione comune un “mostro” meschino e insensibile, solo Shazi sa cosa c’è dietro quell’impenetrabile facciata.

🌹Quattro


“ << Ti ho osservata perché mi piaci. E… non chiamarmi Quattro okay? È… bello risentire il mio nome.>>
Sulle prime appare interdetta.
<< Ma tu sei più grande di me… Tobias >>
Come suona bene detto da lei. Come se non avessi nulla di cui vergognarmi.
<< Già, questa enorme differenza di due anni è insormontabile giusto?>>
<< Non sto cercando di sminuirmi>> insiste. << È solo che non capisco. Sono più piccola di te, non sono bella, non…>>
Rido e le bacio una tempia.
<< Non fingere>> sospira quasi senza fiato. << Lo sai che non lo sono. Non sono brutta, ma di certo non sono bella. >>
La parola “bella” e tutto quello che rappresenta mi sembrano così totalmente fuori luogo in questo momento che perdo la pazienza.
<< E va bene, non sei bella. E allora?>>
Sposto le labbra verso la sua guancia, cercando di raccogliere un po’ di coraggio.
<< Mi piaci come sei.>> La guardo. << E sei terribilmente intelligente. Coraggiosa. E anche se hai saputo di Marcus… non mi stai guardando in quel modo. Più o meno come si guarda un cucciolo maltrattato.>>
<< Be’>> risponde in tono pragmatico. << Perché non lo sei.>>
Il mio istinto aveva ragione: lei merita la mia fiducia.
Posso confidarle i miei segreti, la mia vergogna, il nome che ho abbandonato. Le verità quelle belle e quelle orrende.
Ora lo so.”
-Quattro

Quattro, o Tobias, è un uomo meraviglioso. Forte, bellissimo e sensibile. Profuma di casa e di amore. Lui, capace di pensieri profondi e di azioni eroiche, è davvero il ragazzo perfetto. Non si lascia abbindolare e va lui stesso alla ricerca delle verità che spera di trovare. Al fianco di Tris è ancora più forte, poiché il suo amore per lui gli dà energia, gli infonde sicurezza e autostima, gli dà la luce di cui lui ha bisogno per non cadere nell’oblio del suo passato.

🌹Vincent

“Poi girò la macchina per vedere com’era venuta la foto.
Lui aveva gli occhi socchiusi e, nella luce fioca della stanza, le leggere occhiaie lo facevano sembrare più affascinante che mai… ma con qualcosa di oscuro.
In quanto a me… be’, io ero radiosa.
Sembrava che accanto a lui, avessi finalmente trovato il mio posto.
Ed era esattamente ciò che sentivo nel cuore.”
-Kate

Vincent non è un semplice essere umano, ha infatti la bellezza e le qualità di un revenant. I revenant hanno la capacità, ma soprattutto il compito di sacrificarsi per salvare altre vite umane. Ne hanno bisogno, è un loro impulso, un loro istinto. Entro qualche giorno il loro corpo e la loro anima si ricomporrano e il revenant tornerà all’età e con l’aspetto della prima volta che è morto al posto di qualcun altro. La bellezza di Vincent è tanto esteriore quanto interiore. È buono, dolce, altruista e responsabile. Il suo amore per Kate è innaturale, talmente è immenso, tanto da andare oltre il corporeo. Non amare Vincent è impossibile nelle piccole come nelle grandi cose. Se lo dovessi descrivere con due parole: amorevole e letale. Sì, perché se c’è una cosa che Kate scopre solo in seguito è l’abilità di Vincent nel combattimento, sia armato che non. Vincent è una continua scoperta!

🌹Jace


“<< Mezzanotte>> […] << E adesso guarda.>>
[…] Clary fece per chiedergli cosa avrebbe dovuto guardare, ma lui sollevò una mano per zittirla. Aveva gli occhi lucidi. << Aspetta>> disse.
Le foglie del cespuglio erano immobili. All’improvviso uno dei boccioli chiusi iniziò a vibrare e tremare. Si gonfiò fino a raddoppiare le proprie dimensioni e poi si aprì. Fu come guardare la ripresa accelerata dello sbocciare di un fiore: i delicati sepali verdi che si aprivano verso l’esterno, liberando i petali chiusi al loro interno. I petali erano cosparsi di polline dorato e leggero come talco.
<< Oh! >> disse Clary, e quando sollevò lo sguardo vide che Jace la stava guardando. << Sbocciano tutte le notti?>>
<< A mezzanotte>> disse lui. << Buon compleanno, Clary>>
Clary si sentiva stranamente commossa. << Grazie.>>
<<Ho una cosa per te>> disse Jace. Rovistò in tasca e ne trasse fuori qualcosa che le mise in mano. Era una pietra grigia, leggermente irregolare, in alcuni punti consumata fino a essere liscia.
<< Uh>> disse Clary rigirandosela tra le dita. << sai quando la maggior parte delle ragazze dice che vorrebbe una grossa pietra, non intende proprio, letteralmente, una grossa pietra.>>
<< Molto divertente mia sarcastica amica. Non è una pietra qualsiasi. Tutti i Cacciatori hanno una pietra runica di stregaluce.>>
<<Oh.>> Clary la guardò con rinnovato interesse, chiudendola tra le dita come aveva visto fare a Jace nella cantina. Non ne era certa, ma le parve di vedere una piccola luce che faceva capolino fra le dita.
<< Ti illuminerà>> disse Jace << in tutti i luoghi oscuri di questo e di altri mondi>>”

Lunatico e testardo, ma generoso e altruista: Jace, praticamente l’amore della mia vita.

Jace è un Nephilim, protegge, ovvero, l’umanità da qualsiasi minaccia terrena e ultraterrena. Inizialmente fa di tutto ciò quasi un gioco, destreggiandosi tra un demone e l’altro con prontezza e audacia, nulla sembra poterlo scalfire, grazie a straordinarie capacità combattive e riflessive. Quando Clary entra nella sua vita, diventa il suo punto debole. Crede in lei e nelle sue capacità, ma il suo amore per lei fa sì che non sia mai completamente tranquillo quando le è lontano. Chi ha letto i libri lo sa, la storia tra Jace e Clary non è mai stata semplice, tra verità nascoste e imprevisti, il tempo per loro due è poco, ma in quei brevi momenti viene fuori la tenerezza di Jace, il quale dimostra che farebbe di tutto per quella ragazzina impertinente e dolce che è diventata in poco tempo la sua linfa vitale.

Quali sono i vostri personaggi preferiti? Descriveteli con una parola

Amarsi un po' è come bere
più facile è respirare
basta guardarsi e poi
avvicinarsi un po'
e non lasciarsi mai.


Lucio Battisti e Mogol, Amarsi un po', 1977

sabato 29 luglio 2017

#2 What I Think About "Un Cattivo Ragzzo Come Te"

Un Cattivo Ragazzo Come Te – Huntley Fitzpatrick


TITOLO: Un Cattivo Ragazzo Come Te
TITOLO ORIGINALE: The Boy Most Likely To
AUTORE: Huntley Fitzpatrick
CASA EDITRICE: DeA Planeta Libri
GENERE: romanzo (Young Adult)
DATA DI PUBBLICAZIONE: luglio 2017
PREZZO: -formato cartaceo- €14,90 –formato digitale- €6,99
N.PAGINE: 448

SINOSSI:

L'ultima cosa di cui Alice ha bisogno nella sua vita è un cattivo ragazzo come Tim Mason. Tim che è il migliore amico di suo fratello. Tim che attira i guai come una calamita. Tim che fiuta l'alcol anche bendato. Ma quando le strade dei due ragazzi si incrociano, le cose non vanno esattamente come previsto. Alice si innamora perdutamente. Perché non sempre la decisione giusta è quella che ci rende felici.

“Smettila tu Alice. Forse gli dispiace davvero.
Forse pensa davvero di aver rovinato tutto.
Forse è uno di quei poveretti che non capiscono il valore di ciò che hanno finché non lo perdono. […]
Se uno fa uno sbaglio, non è per forza condannato a
restare uno stronzo a vita.”     

🌟Cosa ne penso 🌟

La storia molto tenera di Alice e Tim, non ha nulla di straordinario né tanto meno nulla di ordinario. Alice è la secondogenita del Signor e della Signora Garrett, genitori di una famiglia numerosa che conta ben 9 figli, di tutte le età e che, quando non sono impegnati a combinane di cotte e di crude, si rivelano davvero molto simpatici. Alice divide le sue giornate tra la sua famiglia, gli studi da infermiera, e il negozio del padre, il quale non lo può mandare avanti a causa di un grave infortunio. Così, Alice, ha davvero poco tempo per la sua vita sociale e ancora meno per una relazione. I suoi innumerevoli fidanzati pensano poco e parlano ancora meno, sono solo dei bell’imbusti che lei si diverte a sedurre e scaricare in poco tempo. Insomma, Alice non ha mai avuto né cerca una storia seria, fin quando Tim, il migliore amico di suo fratello minore Jase, inizia a corteggiarla spudoratamente. Tim, però, non conduce una vita rose e fiori, ha da poco imboccato la strada difficile della disintossicazione da alcool e droghe e qualsiasi tentazione sembra essere il diavolo in persona; inoltre suo padre l’ha cacciato di casa con un ultimatum: quello di crescere e diventare un uomo responsabile.
Ciò che il signor Mason non sa è che Tim sarà costretto da un imprevisto a crescere e responsabilizzarsi in fretta e furia, ma non per i motivi o nel modo che suo padre sperava. Questo Imprevisto con la I maiuscola si metterà inesorabilmente in mezzo a Tim e Alice, che, se già tutto sembrava essere contro di loro, adesso sembrano non avere più speranze. Tim riuscirà a conciliare il tutto? E Alice saprà accettare Tim con i suoi pregi, ma soprattutto con i suoi difetti?

Huntley Fitzpatrick racconta una storia che ha un retrogusto di “quotidiano”, con uno stile davvero molto scorrevole e semplice, che però fa capire che sebbene l’adolescenza sia uno dei momenti più belli della vita di ognuno, non sia priva di problemi e preoccupazioni. Gli interrogativi che affliggono qualsiasi adolescente come “che cosa mi aspetta nel mio futuro?”, “qual è la cosa giusta da fare per me e per gli altri?” o ancora i tanti sull’amore e le relazioni, non sono lontani da Tim e Alice, che cercano di affrontarli senza affogare in essi. Nonostante abbia dovuto leggere il libro a singhiozzi, a causa di circostante esterne, non mi è mai capitato di dover rileggere qualche parte o di non comprendere a pieno il significato di una frase, perché lo stile dell’autrice non è complicato. È una storia molto leggera che mi è piaciuta molto, che cade a pennello in questa estate calda poiché è perfetta per tenere compagnia al mare o in viaggio.


Il romanzo è il secondo romanzo della serie “My Life Next Door” che vede come primo libro “Quello che c’è tra noi”.Ho letto, comunque, il secondo libro senza alcun problema, sebbene non avessi letto il primo (che dato quanto mi è piaciuto questo, recupererò senz’altro). I libri infatti sono autoconclusivi e leggibili singolarmente.
Un bacio e a presto con la prossima lettura. Ricordate sempre che insieme si può essere più forti dei guai.


mercoledì 26 luglio 2017

#1 What I Think About "Raccontami di un giorno perfetto"

Raccontami di un giorno perfetto – Jennifer Niven



TITOLO: Raccontami di un giorno perfetto
TITOLO ORIGINALE: All The Bright Places
AUTORE: Jennifer Niven
CASA EDITRICE: De Agostini Libri
GENERE: Romanzo
PUBBLICAZIONE: aprile 2015
PREZZO: -copertina rigida- €10,90 –ebook- €6,99
N. PAGINE: 400

SINOSSI:
È una gelida mattina di gennaio quella in cui Theodore Finch decide di salire sulla torre campanaria della scuola per capire come ci si sente a guardare di sotto. L'ultima cosa che si aspetta però è di trovare qualcun altro lassù, in bilico sul cornicione a sei piani d'altezza. Men che meno Violet Markey, una delle ragazze più popolari del liceo. Eppure Finch e Violet si somigliano più di quanto possano immaginare. Sono due anime fragili: lui lotta da anni con la depressione, lei ha visto morire la sorella in un terribile incidente d'auto. È in quel preciso istante che i due ragazzi provano per la prima volta la vertigine che li legherà nei mesi successivi. I giorni, le settimane in cui un progetto scolastico li porterà alla scoperta dei luoghi più bizzarri e sconosciuti del loro Paese e l'amicizia si trasformerà in un amore travolgente, una drammatica corsa contro il tempo. E alla fine di questa corsa, a rimanere indelebile nella memoria sarà l'incanto di una storia d'amore tra due ragazzi che stanno per diventare adulti. Quel genere d'incanto che solo le giornate perfette sono capaci di regalare.


 
🌟Cosa ne penso 🌟
Non c'è altro modo di presentare questo libro se non quello di parlarne con il cuore in mano.
Ho amato follemente Finch e Violet, immergendomi completamente nelle loro vite e soprattutto nel loro amore. Penso che loro rappresentino l'amore forte e vero a cui tutti aspirano, quello per cui andresti davvero in cima al mondo o per cui correresti nella notte solo per comprare un mazzo di fiori in un vivaio sperduto.




“Ha gli occhi di un grigioverde che mi fa pensare all’autunno.
Sono gli occhi a catturarmi: grandi e magnetici, hai l’impressione che vedano tutto.
Sono dolci e allo stesso tempo penetranti; non due occhi qualsiasi: di quelli che ti leggono dentro, come adesso,
anche attraverso gli occhiali. […]
<<Posso farti una domanda? Secondo te esiste un giorno perfetto>>
<<Cosa?>>
<<Un giorno perfetto dall’inizio alla fine. Un giorno in cui non succede niente di tragico, o di triste, o di ordinario.
Secondo te esiste?>>”

Finch non è il classico bad boy che tutte vogliono, è l'emarginato "schizzato" della scuola. Violet invece è la ragazza che cerca di vivere la sua adolescenza al meglio coltivando tutte le sue passioni, le amicizie e gli amori fin quando la sua famiglia non è spezzata da un incidente stradale che sarà la causa della morte di sua sorella nonché, per assurdo, dell'incontro con Finch.
Il primo sguardo tra i due avviene sulla cima della torre campanaria della loro scuola mentre entrambi meditano se buttarsi o meno per le ragioni più disparate e dopo essersi salvati a vicenda tra loro scatta qualcosa.
Entrambi hanno un passato turbolento da portarsi dentro, cercano di uscire da quel limbo tortuoso in cui la loro vita si è trasformata, il "noi" potrebbe essere la giusta via d'uscita, ma riusciranno a far fronte ad un destino così incerto? Saranno abbastanza forti da rimanere insieme?
Il loro amore è ossigeno, acqua, vita pura e scoperta inesorabile, è essenza di giorni e ore, fuoco che li brucia dall'interno.
Può un amore così andare anche al di là dell'esistenza?

Lo stile dell’autrice coinvolge pienamente il lettore, fino a far perdere la cognizione del tempo. I capitoli del libro sono privi di titoli e si alternano i punti di vista dei protagonisti, ma nulla si ripete. Entrambi snodano i loro pensieri e i loro vissuti attraverso le pagine, rendendo il lettore quasi complice della faccenda.

“Un libro struggente che racconta la tenera e imprevedibile storia d’amore di due ragazzi feriti”

-NEW YORK TIMES


lunedì 24 luglio 2017

Benvenuti nel mio mondo!


Mi chiamo Elena e sono una studentessa con una grande passione: la lettura. Un libro è pura magia, permette di vivere infinite vite e altrettante emozioni. Con un libro puoi imparare e crescere, oppure decidere di tornare bambino! Non importa, potrai essere te stesso o chiunque tu voglia.
Questo blog nasce proprio da questa smisurata passione per la lettura e soprattutto dalla volontà di condividerla, perchè diciamoci la verità, chi, non appena finito un libro, non vuole sclerare con qualcuno sullo stesso? Beh io sono la prima.
Ho iniziato con una pagina instagram (@unmondosottosopra) che mi ha dato davvero grandi soddisfazioni: scoprire nuovi libri, conoscere altre bookstagrammers e bookbloggers non ha avuto prezzo, ma lo spazio per parlare delle mie letture è davvero limitato, per cui ecco qui il mio blog.
I miei generi preferiti sono il roomance, lo urban fantasy, il science-fiction, e i distopici. La maggior parte dei miei libri, anche i distopici, trattano sempre anche se in minima parte, di una storia d'amore; perchè nel mondo non ce n'è mai abbastanza e i libri ricordano che nonostante tutte le nostre peripezie, i malcontenti e i brutti momenti, è possibile trovare l'amore vero, che fa battere il cuore con uno solo sguardo o con una sola parola, almeno una volta nella vita. Chi non vorrebbe una storia d'amore come quella di Tris e Quattro? O come quella di Jace e Clary? O Tate e Miles? Giusto per citarne qualcuna tra le più famose.
Sui libri sono sempre sincera, non voglio compiacere nessuno, nè tanto meno andare contro qualcuno per il puro piacere di farlo, perché non è mai stato nella mia indole, saprete sempre, per tanto, quale sarà la mia opinione su ogni libro che leggo.
Vorrei condividere inoltre altre parti della mia vita, come i problemi e i veri e propri dilemmi di una ragazza qualunque che attraversa momenti belli o difficili, ma comunque, si impara strada facendo giusto?

pagina instagram: https://www.instagram.com/unmondosottosopra/?hl=it